Pericardite: sintomi, diagnosi e cura. Quando può essere grave?

admin
3 Min Read


La pericardite è l’infiammazione della pericardio. Quest’ultimo è la struttura a forma di sacco che contiene e protegge il cuore, cioè una membrana che per conformazione è simile a un foglio di polietilene sottile.

Pericardite: che tipo di infiammazione è

—  

Nella sacca che contiene il cuore c’è anche una modesta quantità di liquido che separa il cuore stesso dalla membrana e in alcuni casi può succedere che la sacca si infiammi e produca più liquido. Si può avvertire un dolore al petto, ma di solito è una malattia benigna.

Cause della pericardite

—  

Nella maggior parte dei casi la pericardite ha cause di tipo virale o batterico come quelle che causano influenze e raffreddori. Ma può dipendere anche da funghi o parassiti o da una malattia autoimmunitaria o essere la conseguenza di un intervento di cardiochirurgia o di terapie antitumorali.

Sintomi della pericardite

—  

Chi ha la pericardite può avvertire un senso di pesantezza e fastidio al centro del petto che può anche diventare un vero e proprio dolore al petto o dietro lo sterno e irradiarsi al collo, al braccio sinistro e al dorso, a volte anche all’addome. Può anche far venire la febbre e nei casi più gravi, come quando si tratta di pericardite tubercolotica, ci sono anche mancanza di fiato e molta stanchezza.

Diagnosi e cura

—  

L’auscultazione del cuore può già far capire al medico che è in corso una pericardite e l’elettrocardiogramma risulterà anomalo. Per diagnosticarla con esattezza serve anche un ecocardiogramma in modo da verificare quanto liquido c’è nel sacco pericardio e quanto quest’ultimo è spesso. Per curare la pericardite servono dei farmaci antinfiammatori che vanno da quelli di tipo aspecifico come l’aspirina o il brufen fino alla colchicina per i casi più complessi. Se si tratta di pericardite batterica servono invece gli antibiotici. Nella maggior parte dei casi la pericardite guarisce da sola e può anche passare completamente inosservata, invece in alcuni casi più rari servono delle punture per togliere il liquido in eccesso in modo da diminuire la pressione all’interno del pericardio.



Source link

Share This Article
Leave a comment