Frutta e verdure di febbraio e marzo che fa bene ai runner

admin
3 Min Read


Febbraio e marzo sono mesi di transizione non solo a livello climatico, ma anche per quanto riguarda frutta e verdura. Sicuramente non siamo nella stagione migliore per assaporare i frutti più gustosi, ma la verdura disponibile in questo periodo è sicuramente gradevole.

Frutta e verdura di febbraio e marzo

Tra le verdure da portare in tavola in questi mesi abbiamo: agretti (barba del prete), barbabietole, broccoli, catalogna, carciofi, cime di rapa, spinaci, taccole, radicchio rosso, crauti, coste, cicoria, carote.

Per quanto riguarda, invece, la frutta possiamo facilmente trovare al supermercato: arance, mandarini, kiwi, pompelmi, mele, pere.

Le verdure che si possono mangiare solo in questi mesi

Ci sono alcune verdure che possiamo trovare solo in questo periodo come gli agretti o barba del prete, un alimento che si cucina molto facilmente: basta una bollitura veloce e un condimento con olio e aceto.

Oppure la barbabietola rossa, che come sappiamo grazie all’azione sull’ossido nitrico, riesce a dare a noi runner un potente effetto vasodilatatorio, favorendo la performance sportiva. Anche qui, risultano molto gustose se si fanno bollire intere e poi si tagliano a fettine sottili con un po’ di aglio, olio e aceto e qualche foglia di menta.

La frutta che si può mangiare solo in questi mesi

Tra la frutta come non citare il pompelmo. Esso è un agrume ed esiste in due varietà: a polpa gialla e a polpa rosa. Ha un contenuto leggermente più basso di carboidrati, ma questo non spiega il suo impiego in diete miracolose.

È importante sapere che il pompelmo è uno dei pochi frutti ad avere un’interferenza importante nei confronti dei farmaci, agendo sul citocromo P450, un complesso enzimatico nel fegato, e rendendo quest’ultimo meno “abile “ a smaltire i farmaci. Ciò vuol dire che la concentrazione dei farmaci aumenta nel sangue con eventuali effetti avversi.

Note:

Nelle tabelle quindi troverete anche un riferimento per i fodmap, ma prima di seguire in modo completo la dieta FODMAP è necessario rivolgersi al proprio medico. Ricordiamoci che la sindrome del colon irritabile deve essere diagnosticata da personale medico dopo una serie di valutazioni che escludono patologie più importanti. Il fai da te è da escludere assolutamente, in quanto potrebbe ritardare diagnosi più severe.

a screenshot of a computerpinterest

FOTO: RUNNER’S WORLD

textpinterest

FOTO: RUNNER’S WORLD



Source link

Share This Article
Leave a comment