Dei ricercatori italiani stanno coltivando ‘verdure su misura’ per le nostre diete

admin
2 Min Read


Cosa vi verrebbe in mente se vi dicessimo “verdure su misura”? Ebbene, dovete sapere che la scienza sta facendo degli enormi passi in avanti nel campo della medicina personalizzata e iniziamo ad intravedere qualche risultato nel campo dell’alimentazione.

In cosa consiste un’alimentazione personalizzata? Banalmente, si fa riferimento a un piano di alimentazione pensato ad hoc per le proprie esigenze sanitarie. Tutti noi, infatti, abbiamo bisogno di mangiare tanta verdura e fibre; tuttavia, il quantitativo di potassio raccomandato per una persona, ad esempio, potrebbe essere differente da quello di un’altra.

I ricercatori dell’Università di Bari Aldo Moro, guidati dal professor Massimiliano Renna, stanno adottando sistemi di coltivazione senza suolo per la crescita di ravanelli, rucola, bietole e piselli con specifici nutrienti. In questo modo, il consumatore ha la possibilità di assumere verdure con caratteristiche che soddisfino le più disparate esigenze dietetiche.

L’interesse per un’alimentazione personalizzata è in aumento. La biofortificazione degli ortaggi senza suolo ha aperto le porte alla possibilità di adattare la produzione vegetale a specifiche esigenze dietetiche” spiega proprio il professor Renna.

I ricercatori sono stati in grado, ad esempio, di aumentare il contenuto di iodio nelle loro piante fino a 14 volte. Invece, per quanto riguarda il potassio, gli esperti ne hanno ridotto i livelli del 45%, per venire incontro a pazienti di malattie renali croniche.

Chissà quali altri vantaggi porteranno questa colture “personalizzate”!



Source link

Share This Article
Leave a comment