Perché quest’anno ci si ammala tutti, di continuo? Siamo più deboli o i virus più aggressivi?- Corriere.it

admin
7 Min Read

[ad_1]

di Silvia Turin

883mila italiani a letto, più 25% rispetto alla scorsa settimana. Si ha la sensazione che quest’anno ci sia maggiore diffusione dei virus respiratori. È davvero così? Il ruolo del freddo e come non compromettere le nostro difese immunitarie

I virus respiratori e le sindromi simil-influenzali sono in aumento, come è consueto in questa stagione.

Nell’ultima settimana 883 mila ital
iani sono stati messi a letto da virus respiratori, il 25% in più rispetto alla settimana precedente. Tra i virus, cresce il ruolo di quelli influenzali che sono responsabili del 22% delle infezioni, come emerge dal rapporto pubblicato venerdì da parte della sorveglianza RespiVirNet.

L’incidenza dell’influenza nell’ultima settimana (11-17 dicembre) sale in tutte le regioni. In sei (Piemonte, Lombardia, Liguria, Emilia R., Toscana, Marche) è stata raggiunta la soglia «alta» di incidenza e in Campania siamo al livello «molto alta», ovvero oltre i 19 casi per mille assistiti. La Basilicata è l’unica ad avere un’incidenza molta bassa, sotto 3,9 casi per mille.

Si ha la sensazione che quest’anno in particolare ci sia maggiore diffusione dei virus respiratori. È davvero così? Perché quest’anno ci si ammala tutti di continuo? A queste e altre domande ha risposto Fabrizio Pregliasco, virologo dell’università Statale di Milano.
«Il freddo molto intenso che abbiamo subito ha un’azione di riduzione della capacità delle difese immunitarie, in particolare sulle vie respiratorie perché il freddo, ma soprattutto lo sbalzo termico cui ci sottoponiamo entrando in una casa calda, blocca la clearance mucocigliare».

Che cos’è?

«È uno degli elementi protettivi delle vie respiratorie, è il continuo “lavaggio e rinnovo” del muco che viene prodotto a livello dei bronchioli. Le ciglia vibratili che si trovano sulle vie respiratorie esercitano un’azione come ci fosse una paletta che rinnova questa “vernicetta appiccicosa”. Lo sbalzo termico ferma le ciglia vibratili: il muco scivola, non cambia e il virus penetra».

È per questo che ci si ammala in inverno?

«Sì e anche perché il freddo ha un’azione propria, per quanto indiretta, di riduzione delle difese immunitarie, rallentando la circolazione del sangue e quindi il rinnovo delle difese, cioè dei linfociti. Poi c’è il fatto che ci si ritrova in ambienti chiusi con scarsa ventilazione».

È forse il primo anno in cui siamo tornati davvero alle abitudini che avevamo prima del Covid?

«Siamo ormai in un anno dove c’è una nuova normalità, una ripresa totale e anche purtroppo un dimenticarsi di quelle disposizioni che hanno limitato la diffusione delle infezioni respiratorie. Il fatto che non si vaccini più nessuno mi sembra un segnale di disattenzione. C’è una tendenza a rimuovere quell’esperienza. Da un lato è giusto e comprensibile, ma si sono perse le precauzioni».

La facilità ad ammalarsi può dipendere anche da quello che è successo nei Paesi asiatici, cioè che le persone sono state meno a contatto coi virus?

«Sì, in un certo senso stiamo “recuperando” gli anni persi, specialmente i bambini, che prendevano in modo “diluito” alcune patologie respiratorie».

C’è un aumento effettivo quest’anno di infezioni?

«C’è una stagione influenzale tosta, simile un po’ a quella dell’anno scorso, però ci sono tantissimi contagi di altri virus (come il Covid) che sono stati un po’ “declassati” perché nella gran parte dei casi non creano grossi problemi».

Possiamo fare una classifica e mettere in cima il virus che sta dando più problemi al pronto soccorso?

«Sicuramente c’è il virus respiratorio sinciziale che è un protagonista rispetto agli altri e poi c’è stato il
micoplasma pneumoniae
nei bambini. I virus respiratori sono 263 tra tipi e sottotipi, in più abbiamo una notevole quota di Covid che in qualche modo è diventato più buono ma molto presente in termini quantitativi».

Avere o avere avuto il Covid o altre infezioni può indebolire ulteriormente?

«Sì, le infezioni respiratorie precedenti in qualche modo peggiorano la risposta ad altri virus che quindi sono facilitati in una successiva infezione. Anche i batteri, per esempio lo
streptococco pneumoniae
, si diffonde bene grazie a una prima infezione che abbassa le difese immunitarie, quando siamo in convalescenza abbiamo maggiore fragilità».

Come prevenire le infezioni?

«A livello fisiologico è importante un’alimentazione sana e bilanciata. La rinuncia al fumo e magari l’eventuale assunzione, per esempio, di vitamina B12 o vitamina C (un tempo esageratamente consigliata), che ha una sua azione antinfiammatoria e di stimolo del sistema immunitario e poi l’attenzione allo sbalzo termico (come scritto sopra, ndr)».

Quindi il cappello e la sciarpa davanti alla bocca hanno un senso?

«Certo. Sono importanti perché proteggono le prime vie aeree e anche il vestirsi a cipolla è fondamentale proprio nell’ottica della prevenzione. Poi le regole di protezione, come l’uso delle mascherine e la ventilazione degli ambienti. Infine, le
vaccinazioni consigliate
. È giusto godersi la nuova normalità, ma per essere sereni occorre proteggere i fragili e gli anziani con la vaccinazione e fare loro il tampone per far sì eventualmente che possano utilizzare il farmaco antivirale contro il Covid».

Corriere della Sera è anche su Whatsapp. È sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati.

23 dicembre 2023 (modifica il 23 dicembre 2023 | 15:52)

[ad_2]

Source link

Leave a comment