fermato un uomo per la morte di due anziani

admin
2 Min Read

[ad_1]

Ci sarebbe una storia di soldi dietro l’incendio di un appartamento a Bagno a Ripoli in cui sono morti due anziani. Non si tratta quindi di un incidente ma di un probabile duplice omicidio.  

I carabinieri hanno infatti fermato per omicidio volontario un calabrese di 45 anni: Antonino La Scala.

Secondo le prime ipotesi fatte il rogo era stato scatenato dal cortocircuito di una poltrona elettrica. Nei giorni scorsi l’appartamento era stato posto sotto sequestro.

Ma adesso arriva la clamorosa svolta con il fermo di un uomo per omicidio volontario. I due anziani, insomma, sarebbero stati uccisi.

Le vittime

La famiglia Della Nave era da sempre impegnata nel volontariato alla Casa del popolo della frazione. Umberto aveva ereditato dal padre il negozio di vendita di sementi e attrezzature per l’agricoltura e per cinquant’anni lo aveva gestito. Era un grande appassionato di moto, era il decano dell’enduro e appena poteva, nonostante l’età, continuava ad andare nei boschi con la sua moto.

Quasi due anni fa la coppia era stata segnata da un’enorme tragedia, la perdita del figlio che aveva solo 46 anni. Leonardo, da quando il padre era andato in pensione, gestiva il negozio e nel tempo libero si dedicava alla moto, passione ereditata dal padre. Durante una delle tante escursioni in una zona impervia, mentre era insieme ad un amico, il 2 gennaio 2022 ha avuto un infarto ed è morto. Da quel momento i genitori non sono più stati gli stessi. La mamma di Leonardo non si era mai ripresa, aveva bisogno di assistenza continua e il marito si era dedicato interamente a lei. Quando il giovane morì, la bandiera della Casa del Popolo di Osteria Nuova fu listata a lutto.

[ad_2]

Source link

TAGGED: , , , ,
Leave a comment