Borsa Italiana, il commento della seduta del 15 dicembre 2023

admin
5 Min Read

[ad_1]


Oggi è giornata di importanti scadenze tecniche. Campari ha iniziato la giornata con una flessione. In evidenza Telecom Italia TIM e STM

piazza-affari-positivaI maggiori indici di Borsa Italiana e le principali piazze finanziarie europee hanno iniziato l’ultima seduta della settimana con progressi frazionali. Oggi è giornata di importanti scadenze tecniche: sono andati in scadenza i future e i contratti di opzione sulle azioni e sugli indici con termine a dicembre 2023.

Alle ore 09.10 il FTSEMib guadagnava lo 0,33% a 30.459 punti, mentre il FTSE Italia All Share era in progresso dello 0,32%. Performance simili per il FTSE Italia Mid Cap (+0,36%) e per il FTSE Italia Star (+0,25%).

I principali indici azionari statunitensi registrano variazioni frazionali, dopo i forti rialzi messi a segno nella seduta precedente. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,43% a 37.248 punti, dopo aver fissato il nuovo massimo storico a 37.288 punti. L’S&P500 ha chiuso in progresso dello 0,26% a 4.720 punti. Segno più anche per il Nasdaq (+0,19% a 14.762 punti).

La Borsa di Tokyo ha chiuso la settimana con una seduta positiva. L’indice Nikkei ha guadagnato lo 0,87% a 32.971 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 32.733 punti e un massimo di 33.122 punti.

Il bitcoin è tornato oltre i 42.500 dollari (poco meno di 39.000 euro).

Lo spread Btp-Bund resta sotto i 170 punti, con il rendimento del Btp decennale che è sceso sotto il 3,8%.

L’euro si attesta a 1,1 dollari.

 

Campari ha iniziato la giornata con una flessione del 4,03% a 9,89 euro. La società ha annunciato di aver avviato trattative in esclusiva con Beam Suntory e di aver concesso a quest’ultimo un’opzione di vendita, al fine di acquisire il 100% del capitale di Beam Holding France, che detiene il 100% del capitale di Courvoisier. Il prezzo fisso di acquisto è pari a 1,2 miliardi di dollari (corrispondente a circa 1,11 miliardi di euro), in assenza di cassa o debito finanziario, ed è soggetto ai consueti meccanismi di adeguamento del prezzo.

 

Focus sui titoli del settore bancario, dopo i ribassi registrati ieri, in scia alle decisioni di politica monetaria della FED e della BCE.

Il BancoBPM ha iniziato la giornata con un calo dell’1,72% a 4,734 euro. L’istituto ha comunicato di aver acquisito l’intero capitale di Vera Vita e Vera Financial da Generali Italia e di aver ceduto a Crédit Agricole Assurances la partecipazione del 65% di Banco BPM Assicurazioni e – contestualmente al riacquisto della stessa da parte della banca – del 65% di Vera Assicurazioni che, a sua volta, detiene l’intero capitale di Vera Protezione. Il prezzo corrisposto a Generali Italia dal BancoBPM per l’acquisto del 65% di Vera Vita e Vera Assicurazioni è risultato complessivamente pari a 392,4 milioni di euro, mentre il prezzo complessivo corrisposto da Crédit Agricole Assurances per l’acquisto del 65% di Banco BPM Assicurazioni e Vera Assicurazioni è stato pari 243,6 milioni di euro.

 

In evidenza Telecom Italia TIM (+1,18% a 0,2657 euro). Il consiglio di amministrazione della compagnia telefonica ha deliberato di prorogare a fine gennaio 2024 il termine concesso a Optics Bidco (società controllata da Kohlberg Kravis Roberts, KKR), per completare le attività di due diligence e formulare un’offerta finale per Sparkle. Inoltre, il presidente Salvatore Rossi ha comunicato che non intende presentare una propria candidatura in occasione del prossimo rinnovo del CdA dell’azienda.

 

Partenza positiva per STM (+2,33% a 46,65 euro). Alcune banche d’affari hanno rivisto al rialzo la valutazione sul gruppo italofrancese.

 

Al MidCap Antares Vision resta sotto i riflettori, dopo la pesante correzione subita nelle precedenti due sedute. Il titolo ha iniziato la giornata con un rialzo del 2,07%.


[ad_2]

Source link

Leave a comment