arrestato medico di base, sospesi sette farmacisti

admin
3 Min Read

[ad_1]

Figurano medici di medicina generale, farmacisti e titolari di laboratori di analisi tra le 17 persone indagate dalla Procura di Nola a cui i militari del nucleo di polizia…

OFFERTA SPECIALE

OFFERTA FLASH

ANNUALE

49,99€

19€
Per 1 anno

SCEGLI ORA

 

MENSILE

4,99€

1€ AL MESE
Per 3 mesi

SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

OFFERTA SPECIALE

MENSILE

4,99€

1€ AL MESE
Per 3 mesi

SCEGLI ORA

– oppure –

Sottoscrivi l’abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l’articolo e tutto il sito ilmattino.it

1 Anno a 9,99€ 89,99€

oppure
1€ al mese per 3 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.


  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • Tutte le newsletter tematiche
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
  • Dirette esclusive

Figurano medici di medicina generale, farmacisti e titolari di laboratori di analisi tra le 17 persone indagate dalla Procura di Nola a cui i militari del nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli hanno notificato 17 provvedimenti cautelari (un arresto ai domiciliari e 16 misure interdittive) nell’ambito di un’indagine su una truffa al Servizio Sanitario Nazionale. Gli inquirenti contestano anche i reati di falsità ideologica, corruzione e associazione a delinquere.

I finanzieri hanno individuato a Pomigliano d’Arco due associazioni a delinquere ai cui vertici c’erano dei medici di medicina generale che avrebbero messo a segno una lunga serie di truffe al Ssn utilizzando false prescrizioni di medicinali che poi venivano indebitamente rimborsate dall’Asl. 

Il gip ha disposto gli arresti domiciliari per un medico di base, ritenuto il promotore delle due associazioni a delinquere. Due medici di base sono stati sospesi per un anno dal pubblico servizio/ufficio connesso con l’esercizio della professione medica in convenzione con il Ssn; sospesi per un anno anche sette farmacisti; a due legali rappresentanti di centri diagnostici è stato notificato il divieto di contrattare con la pubblica amministrazione per un anno; a un ex farmacista e a due informatori scientifici è stato notificato un divieto di dimora nel comune di Pomigliano d’Arco; infine due infermieri sono stati sospesi per un anno dall’esercizio della professione per conto di enti pubblici e privati convenzionati con il Ssn. 

Leggi l’articolo completo
su Il Mattino

[ad_2]

Source link

Leave a comment