alimentazione e abbigliamento i settori più gettonati

admin
3 Min Read

[ad_1]

L’appuntamento con le festività natalizie è imminente e in molti approfittano delle ultime settimane per scegliere i regali: tuttavia, l’Osservatorio Nazionale Federconsumatori ha calcolato un aumento medio dei costi dei prodotti tipici e dei regali +10,2% rispetto al 2022. La spesa media, tra chi effettuerà acquisti, sarà di 169,00 euro pro capite, dato pressoché invariato rispetto allo scorso anno.

Regali di Natale 2023: alimentazione e abbigliamento i settori più gettonati

Nonostante i molti rincari, registrati soprattutto per gli addobbi, o regali tecnologici, i viaggi e i prodotti alimentari (come si evince dalla tabella con la classifica dei rincari) e malgrado siano ancora tante le famiglie che si trovano in situazioni di difficoltà economica, gli italiani non rinunceranno del tutto ai regali di Natale, specialmente quelli per i più piccoli.

I settori in cui si concentreranno i consumi natalizi sono l’abbigliamento (che perde leggermente terreno rispetto allo scorso anno, -1,4%) e l’alimentazione (che invece registra una crescita delle preferenze del +1,9%). Reggono il settore dell’elettronica, dell’editoria e dei giocattoli, da sempre molto gettonati in queste occasioni, mentre è in crescita il settore della cura della persona e delle gift card presso negozi, profumerie, piattaforme di contenuti o piattaforme di acquisto online.

Molto apprezzati anche i regali fai da te, prodotti rispettando l’ambiente o realizzati con materiali riciclati.

Per quanto riguarda le modalità di acquisto, canale preferenziale è l’e-commerce, privilegiato dal 72% degli acquirenti più giovani, seguito dai negozi della propria città, mentre per i regali nel settore alimentare si privilegeranno gli acquisti presso negozi di vicinato o punti vendita che commercializzano prodotti tipici e a km0.

Circa il 68% di chi ha approfittato del Black Friday, inoltre, lo ha fatto proprio in previsione dei regali di Natale. A fronte di questa frenesia da regali, però, c’è anche chi ha deciso di esimersi da questa consuetudine: infatti, è interessante notare che la percentuale di cittadini che non farà alcun regalo si attesta al +7,2%.



[ad_2]

Source link

Leave a comment